Translate

12 agosto 2011

Questa storia inizia 3 anni fà,un giorno sono salita da mamma (allora aveva 81 anni )e l'ho trovata con la tazza del the piena di acqua e caffè appoggiata sul fornello acceso ,mi sono spaventata perchè la tazza poteva esplodere e farle male ,ho chiesto a mamma cosa stai facendo e lei tranquillamente mi ha risposto un caffè.
Dopo questo episodio mi sono rivolto al medico di famiglia e su suo consiglio l,abbiamo portata dalla neurologa,la dottoressa ha evidenziato problemi di spazio temporale , non sa più in che giorno siamo ,anno mese,fa fatica a riconoscere i famigliari.
continua a chiedere e dire sempre le stesse cose ,durante la giornata è capace di fare la stessa domanda anche 20 volte.....
sono stata consigliata di farle fare una tac ,ma il mio medico visto lìetà la sconsigliata.sono stata indirizzata all'ufficio invalidi civili ,ma per ben tre volte è stata respinta la domanda...nel frattempo mamma si è aggravata anche fisicamente a maggio del 2010 ha subito un intervento all'intestino durato 6 ore la diagnosi di allora è stata( occlusione intestinale da briglia,stenosi del sigma da tumor).
Nel mese di agosto sempre del 2010 ricovero urgente per insufficienza respiratoria acuta in cardiopatia ipertensiva scompensata
la diagnosi alle dimisioni sono queste,infezione alle vie urinatie. diabete mellito e in un ultimo sindrome involutiva psico_organica senile.
A febbraio 2011 altro ricovero : diagnosi subocclusione intestinale da coprostasi.
Da qui la decisione di prendere mamma in casa con me,per farla vivere serena ,per lavarla e cambiarla cosa che non faceva più da sola ,puzzava sempre di pipì e popo ,non lavava le mani ,non si lavava più .
Tutti i giorni devo metterle la supposta di glicerina o farle il cristero per evitare altri blocchi intestinali ,una volta al mese chiamo un medico geriatra di fiducia per farla visitare ,mamma non è più in grado di vivere sola .durante la giornata le sommistro i medicinali
questo è l'ordine:
ore 8 cerotto cuore
ore8 capsula protezione stomaco
ore 8,10 diuretico
ore 8,20 pastiglia diabete
ore 8,30 alvonorm capsula poi
colazione.
dopo di che la lavo e fino alle 11,30 si mette seduta sul divano e guarda in giro cerco di spronarla a fare passare un giornale ,a volte le faccio piegare i panni .ma è molto apatica.
alle ore 11,30 le somministro una pastiglia cordarone
dopo pranzo verso l'una e mezza le dò la cardioaspirina.
al pomeriggio si sdraia sul divano e riposa,alle 15,30 le dò il diuretico e fino a sera basta medicine.
non è cattiva ,non cerca di andare fuori e impassiva secondo mè .
dopo cena le devo dare le gocce delle gocce NEULEPTIL
e in ultimo uno sciroppo perchè in questi giorni ha avuto un reflusso gastrico .
Adesso dopo questa mia giornata tipo ,vi chiedo secondo voi può vivere sola?
può somministrarsi i medicinali da sola?
secondo voi io posso andare a lavorare ?
lei con chi sta? chi la segue ? chi l'accudisce?
beh vi dico che secondo l'ufficio invalidi non ha problemi ,non serve l'accompagnameto,e per l'ennesima volta è stato rifiutato .
sto accanto a mamma perchè la amo,non ho più una vita mia , a volte ho paura di non riuscire a gestire questa malattia ,ho paura di non essere in grado di starle accanto...........oggi poi sono veramente a terra dimenticavo io sono in cura depressiva presso il centro psichiatrico ,una depressione causata dalla perdita del posto di lavoro e la perdita di parecchie mensilità,inoltre adesso come adesso non potrei proprio cercare un lavoro con mamma cosi


8 commenti:

  1. Ciao cara Anna Maria,ti sono vicino,vuoi molto bene alla mamma e sei veramente una persona da ammirare.
    Ti voglio bene.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  2. Ciao! Ho letto il tuo post e mi sono commossa... capisco benissimo quello che provi, e ti sono veramente vicina con il cuore... Da quasi un anno ho perso mia nonna, e mi manca... Ti abbraccio fortissississimamente!
    Dani

    RispondiElimina
  3. Ci dispiace molto per la tua situazione, so che è dura perchè io ci sono passata lo scorso anno con mio nonno... ho capito però che sei una persona forte e ami moltissimo tua madre...
    con queste due qualità supererai tutto fidati!
    Un abbraccio caloroso
    martyekia

    MartyeKia.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. GRAZIE MASSIMO .TI VOGLIO BENE UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  5. CIAO DANI ,CI SONO MOMENTI CHE VORREI MOLLARE TUTTO ,MA CONTINUO PER LEI .GRAZIE DELLE TUE PAROLE

    RispondiElimina
  6. CIAO MARTYE ,GRAZIE ANCHE A TE PER LE BELLE PAROLE....

    RispondiElimina
  7. Ciao ,Anna Maria ... sono capitata per caso nel tuo blog... sei da ammirare .
    Non perdere di vista la tua persona...fatti aiutare in qualche modo.
    Inizia dal assistente sociale...una soluzione la troverete insieme...magari con suo aiuto riesci ad andare avanti anche per l'accompagnamento..
    Un abbracio a te e a tua madre .

    RispondiElimina
  8. grazie anonnimoooooo ,grazie per i consiglio .proprio stamane è arrivata la raccomandata dall'inps con la risposta.......negativa ......pazienza si stringera la cinghia .come solito ciao e ancora grazie

    RispondiElimina